Comunità di linguaggio alla frontiera
Praktische Theologie im Dialog / Théologie pratique en dialogue
Herausgegeben von François-Xavier Amherdt, Salvatore Loiero
Bd. 52 Antonio Grasso

Comunità di linguaggio alla frontiera

La Parrocchia personale di lingua italiana di Basilea nell’ «angolo delle tre terre»

Neu
Vorbestellen ca. 65.00 CHF Erscheint: 01.12.2019
inkl. MwSt. zzgl. Versandkosten

Nella società postmoderna sono cambiati i punti di riferimento identitari e gli individui si definiscono sempre più non in base al territorio in cui vivono, ma in base alle relazioni che sviluppano. Anche la Chiesa è toccata da questo fenomeno, perciò le multi-appartenenze, che definiscono i «nomadi spirituali» moderni, fanno sì che essi sviluppino un senso di appartenenza non più necessariamente nella Parrocchia territoriale, ma ad altre realtà definite dal principio di personalità. Il linguaggio è il nuovo criterio che determina la forma di appartenenza ad una comunità. Esso è più che uno strumento di comunicazione, è il locus theologicus, l’unico contesto dove il fedele può incontrare Dio. La Chiesa è chiamata a riconoscere in modo ufficiale anche questo criterio aggregativo, assumendo un orientamento interculturale. Una «comunità di fede» alla frontiera, come lo è la Parrocchia personale S. Pio X di Basilea Città nell’ «angolo delle tre terre», cioè il punto di incontro tra la Germania, la Francia e la Svizzera, diventa un modello di una comunità transnazionale, che supera la dimensione giuridica territoriale cantonale, e con uno specifico linguaggio.

Bevorstehende Veranstaltungen

Bibliographische Angaben

Reihe Titel der Reihe - Praktische Theologie im Dialog / Théologie pratique en dialogue
Abbildungen 5 s/w, 5 farbig
Seitenanzahl 395 arabisch
Bindung Buch, Broschiert
ISBN 978-3-7965-4068-4
Erscheinungsdatum: 01.12.2019

Autor/in

Antonio Grasso è un missionario scalabriniano. Ha conseguito il Baccellierato presso l’Università S. Tommaso e la Licenza in Teologia pastorale della Mobilità Umana presso il SIMI di Roma. Ha vissuto per due anni a Los Angeles, lavorando con i migranti latinoamericani, si è occupato di pastorale giovanile interculturale e ha lavorato in Svizzera con i rifugiati e presso le comunità di lingua italiana di Basilea e Berna. Ha conseguito il Dottorato presso la Facoltà Teologica di Friburgo (Svizzera).